giovedì 16 marzo 2017

La mia esperienza sullo shop on line da venditore


Oggi vorrei parlarvi della mia esperienza sul mondo dello shop on line.
Io non sono un’artigiana, e non lo dico per sminuirmi, ma perché dirlo sarebbe un’offesa per chi artigiana lo è veramente. Diciamo che io sono e-dealer con qualche manualità.
Io adoro vendere. Sono figlia di due generazioni di commercianti, mi viene naturale. Ma essendo seduta di fronte ad uno schermo e avendo scelto un’altra strada, ho deciso che il mondo online poteva permettermi di non spezzare la catena di commercianti della mia famiglia.
Ovvio, sto esagerando, i miei nonni, i miei zii e mio padre se lo sono fatto quadrato per mandare avanti le loro attività, su internet è più semplice quando lo si fa solo per passione, ma ci vuole comunque tanta dedizione.
Inizialmente io ho scelto la piattaforma Etsy, così, solo perché ne avevo sentito parlare e dopo un po’ ho caricato i prodotti anche su DaWanda.
Ho due opinioni completamente diverse.
Su DaWanda sono stata molto seguita e sostenuta. C’è un team molto competente e soprattutto presente.
Hanno adocchiato un mio prodotto che a loro è piaciuto e l’hanno pubblicizzato tantissimo, anche su Io Donna.
Eppure eppure, non so perché su Da Wanda in due anni ho venduto solo un washi tape. Uno solo. Quindi una cosa non creata nemmeno da me. Tanto che alla fine, con rammarico, ho deciso di chiudere il mio account su Da Wanda, di cui però tengo un bellissimo ricordo. Mi hanno dato davvero la spinta per credere in me.
Su Etsy invece tutt’altra storia.
Ho aperto due anni e mezzo fa e lì non sono stata supportata da un team. Ho fatto tutto da sola. Ho deciso io quanti e quali prodotti vendere, quante volte attivare le promozioni, le pubblicità ecce cc…
Assoluta autonomia e i numeri sono stati, per me, molto buoni.
Considerando che nel 2016 non ho quasi per niente seguito il mio e-shop i risultati continuano ad arrivare.
Il picco di vendite è stato infatti nel 2015, anno in cui mi ci sono dedicata anima e corpo, ad avvalorare la tesi per cui se un negozio si segue con attenzione e dedizione i risultati arrivano.

Dal 2015 ad oggi:
564 preferiti
160 prodotti venduti
33 recensioni, tutte positive, ottenendo 5 stelle.

Avrei voluto provare anche A little Market, avevo già effettuato l’iscrizione, mancherebbe solo caricare i prodotti, ma onestamente non ho avuto più tempo. Lo farò e vi farò sapere.
Quello che intendo per impegno e dedizione è l'attenzione per tutti i particolari:
- packaging personalizzato
- biglietto da visita con allegato uno sconto per l'acquisto successivo
- personalizzazione dei prodotti
- risposte veloci ai messaggi privati
- possibilità di scelta tra varie spedizioni
- velocità nella creazione e nella spedizione
- assistenza post vendita
- possibilità di rimborso in alcuni casi particolari di insoddisfazione 
- presenza sui social networks
- foto semplici, chiare e di qualità
- descrizione dettagliata
Non esistono solo queste tre piattaforme, Etsy è sicuramente quella più importante. C'è anche la possibilità di staccarsi dalle piattaforme e fare un sito tutto proprio, ma direi che quest'ultimo caso lo lascerei a chi ha un giro più grosso di vendite.
Perché ho scritto questo articolo?
Perché voglio incitare tutti coloro i quali hanno delle perplessità sulla vendita on line.
Sosterrò sempre la vendita fisica, ma può sempre essere accompagnata da quella virtuale.  
Se avete dubbi, domande, richieste o avete bisogno di una mano d’aiuto potrei fare qualcosa per voi!
Scrivetemi qui: acasadialeblog@gmail.com
Vi aspetto!


Nessun commento:

Posta un commento