lunedì 21 luglio 2014

My teen craft room

Come promesso rieccomi qua!
Nei giorni scorsi, mentre i miei figli erano dai nonni, io mi sono dedicata un po’ alla personalizzazione della mia craft room…macchè, ma quale craft room!!!!
Un angolo della mia camera da letto si è trasformata in una parete da adolescente. Scrivania delle superiori e colori sui muri.
La scrivania l’ho ereditata dal mio compagno; diciamo che quella che vorrei io è leggermente diversa, ma per ora mi va bene questa.
La valigia usata per il servizio di Casa Facile (siete ancora in tempo per acquistare la rivista con l’allegato di luglio) l’ho trasformata in contenitore per  i miei accessori. Washi Tape sui muri e una ghirlanda creata con carta e macchina da cucire. Era una vita che sognavo di farla e finalmente ci sono riuscita.

Insomma, vi lascio con qualche immagine della mia cameretta…ehm, craft room!





Vince il giveaway...

Buongiorno!!!
A mezzanotte è scaduto il mio giveaway e quindi proprio qualche minuto fa ho sorteggiato "alla vecchia" la vincitrice: Maison des Amies!
Grazie a tutte per aver partecipato.
Intanto vi auguro una buona giornata, ma più tardi torno con un nuovo post!

venerdì 18 luglio 2014

quell'umidità che ti sveglia di notte

Due notti di seguito pipì nel letto, non io, ma la quasi treenne.
Io dormo in mezzo tra i miei due figli. Lo so, lo so, non è un bene sfrattare il papà e fare dormire i bambini nel lettone, ma vi assicuro che il papà dorme notti tranquille lì tutto solo. Io no. Ma meno peggio rispetto a quando i bambini dormivano nel loro letto e mi chiamavano ogni tre ore e il papà sembrava in coma. Quindi per non diventare pazza ho preso questa decisione. Il che vuol dire:
  • Dormire come una sottiletta tra due animaletti che non conoscono rispetto per la mamma
  • Mani che cadono pesantemente in faccia
  • Ginocchiate ai reni
  • “mamma ho sete”
  • “mamma pipì”
  • E svegliarsi nel cuore della notte per una certa umidità sulla schiena o peggio sulla faccia, a seconda della posizione.

Quest’ultimo punto, appunto, accade da due notti consecutive.
E che si fa?
La cosa più veloce possibile:
  • Spogliare la bambina
  • Passarle una salvietta umida
  • Spostarla su una parte asciutta del letto, ai piedi del fratello che come il padre pare andare in coma di notte.
  • Mettere due tre asciugamani sul bagnato, un lenzuola sopra le asciugamani e aspettare l’indomani per mettere tutto compresa la figlia e me dentro la lavatrice a 90 gradi.

Certo che però la seconda notte consecutiva che capita ti viene un po’ da piangere.
Intanto, per chi avesse ancora un po’ di pena per il papà, sappiate che lui non si accorge di nulla e si sveglierà sempre fresco come una rosa.
Buona giornata a tutte.

E ricordatevi del giveaway che sta per scadere!

venerdì 11 luglio 2014

Vita da creativa

Da lunedì i miei bambini sono dai nonni e la differenza c’è e si vede. Si vede nel tempo libero per me, si vede nell’ordine della casa, si vede nel cibo arrangiato che sto mangiando. La mattina una volta pronta gironzolo per casa perché troppo in anticipo. E la sera, dopo il lavoro, non sono mai tornata alle sei come sempre. Ho fatto le docce senza mai essere interrotta e ho dormito spaparanzata. 
Ieri sera ho addirittura preso la macchina da cucire e ho così completato il mio workspace, trasformando così la mia camera da letto in una cameretta da adolescente. Vi farò vedere presto le foto. Ieri, dopo aver creato orgogliosamente una ghirlanda di stelle, le ho fatte vedere al mio compagno e mi ha detto “e che è?” “ma come????? Una ghirlanda!” “ Per fare cosa?”…Non ho speranze, sono una creativa incompresa. Però ho spedito una foto della mia camera da letto a mia sorella, che ieri era con mio figlio per fargliela vedere, e il mio cucciolo ha detto che era bella! Cuore di mamma…

Ma la pacchia è finita. Oggi vado a prelevare i bambini. La mia vita da creativa termina qui.

Tutte le volte che prendo la macchina da cucire ho sempre bisogno delle istruzioni...non ce la posso fare!!!!

mercoledì 9 luglio 2014

DIY #barchette


Quando le cose le lasci là, in attesa di una trasformazione. Quale? Boh. 

Avevo comprato qualche settimana fa della carta colorata da Ikea, senza sapere che farne...
Poi mia sorella mi ha regalato i washi tape e ho pensato di unire le due cose. 
La voglia di mare impazza e io ci sono andata solo mezza volta, così ho pensato di portare il mare da me, realizzando delle piccole barchette origami, che so fare da quando sono piccola e che è l'unico origami che so fare. Mi ripropongo sempre di imparare a farne altri, ma ancora quel momento non è arrivato.
Dopo aver creato le barchette le ho decorate con i washi tape e adesso aspettano solo di essere posizionate in qualche angolino della casa.





Carine, no? E la fantasia di questi washi tape non è adorabile?
Li ha comprati in un negozio a Londra il cui sito è www.butlers.com. Vi consiglio vivamente di farvi un giro ci sono tantissime cose molto carine!

P.S. Ricordatevi del giveaway

martedì 8 luglio 2014

Yellow suitcase



Uno degli accessori del picnic realizzati per la rivista Casa Facile, uscito nell’allegato decòr del numero di luglio, era la valigia di cartone. Se non avete ancora acquistato la rivista correte in edicola, ci sono tantissimi servizi bellissimi e in particolare su questo del picnic ci sono anche tantissime ricette gustosissime!
Partendo da questo tutorial, da me disegnato (perdonate quindi tutte le imperfezioni), ho proceduto alla realizzazione.



In ufficio ho adocchiato due coperchi di cartone e da lì mi si è accesa la lampadina che mi ha permesso di ideare la valigia.
Quindi, ho smussato gli angoli per rendere la valigia meno spigolosa. Dopodichè ho unito i due coperchi come nella figura disegnata. Et voilà lo scheletro è pronto. Si prosegue così con la decorazione. Ho prima verniciato tutto il cartone con un fondo bianco e poi con l’acrilico giallo. Ho deciso di utilizzare come rivestimento interno una cerata fiorata e con la colla ho foderato il dentro, lasciando fuoriuscire un bordino. Da un pezzo di cerata avanzata ho creato il manico. Infine ho cercato un bottone tra quelli che mia mamma conserva da anni ed entrambi, manico e bottone li ho cuciti con ago e filo.




Ho smussato gli angoli frontali




Ho fatto aderire le fasce frontali lungo la curva che ho precedentemente tagliato


Ho pitturato

Ho foderato

Ho cucito il bottone con ago e filo


Ho realizzato il manico

E la valigia di cartone è pronta.


Se la volete davvero utilizzare per trasportare ciò che desiderate dovrete anche cucire un occhiello all’altezza del manico per chiudere con il bottone. Altrimenti, se non dovete trasportare nulla ed è solo una valigia decorativa potete anche lasciarla così!
Che ne dite, vi piace?

Da lunedì vado una settimana in ferie, finalmente!!!!
Al mio ritorno vi mostrerò gli altri tutorial.

Ciao!

lunedì 7 luglio 2014

Yellow Giveaway

È con grande piacere che vi annuncio il mio YELLOW GIVEAWAY!
Perché questo nome? Molti di voi lo sanno già, altri sicuramente no… Sul numero di luglio della rivista Casa Facile, nell’allegato dedicato al decòr, c’è un servizio realizzato da me e Grazia Caruso: Yellow Picnic. Io ho contribuito con tutti i DIY e con le foto, mentre Grazia con foto, ricette e testi. Ah io sono stata anche l’assaggiatrice ufficiale!
Quindi ho pensato di collegare le due cose e regalarvi alcune di quelle idee realizzate. In più mia sorella che è qui in vacanza da Londra mi ha portato tanti stupendi washi tape e due di questi io li regalo a voi!!!



Pertanto il regalo comprende:
  • Porta tovaglioli e posate realizzato a mano con porta ingredienti (sale e pepe);
  • Ghirlanda di carta;
  • 30 bandierine coloratissime per le vostre feste;
  • 2 washi tape

Cosa occorre per partecipare?
  1. Lasciare un commento con l'indicazione della vostra e mail;
  2. Unirvi come mie followers, se non lo siete già, ad uno dei miei canali: blog, google +, facebook o instagram che trovate sulla destra del blog (o a  tutti, mica mi offendo!)
  3. Condividere sui vostri social networks.

Tutte e tre le condizioni sono indispensabili per partecipare all’estrazione che avverrà giorno 21 luglio 2014. Avete tempo quindi fino a mezzanotte del 20 luglio.
Buona fortuna!!!!

mercoledì 2 luglio 2014

Una casa a Cipro

Forse mi ricordano il passato, o una vita passata, non so, ,ma queste case, che sanno un po’ di “vecchio” un po’ di gitano, a me fan girar la testa. Mi incanto a guardare queste stanze e vorrei sentirne l’odore. Altro  che case disegnate da mega architetti o piene di oggetti di design, questa casa che si trova a Cipro è un’altra di quelle che fanno per me. Dove la personalità è data dal vissuto. Da quelle foto ingiallite, da quei mobili vecchi, ma tanto attuali. Quella cucina, che sembra stia per crollare è romantica da morire!

Chiudo gli occhi e già mi immagino lì.
A voi le foto di Simon Brown e Nadia Mark.