mercoledì 22 gennaio 2014

Impariamo a dire bene le parolacce.

“Sofia sei una bastada!”. Con questa frase diamo inizio alla saga delle parolacce del quasi quattrenne. Ha iniziato con questa splendida frase.
Io stavo lavando i piatti e sento questa frase, al che mi sono girata verso di lui, un po’ sconvolta, ma senza dire niente perché dovevo riflettere in pochi secondi su come reagire. Lui mi ha guardato ridendo perché sapeva di aver detto una cosa che non doveva dire e mi ha detto “mamma, non è una parolaccia! Ho detto bastada”. “E allora, visto che non è una parolaccia impara a dire bene questa parola: bas-taR-da”.

Ha detto che non era una parolaccia e io ho fatto il mio dovere di mamma, di correggerlo quando sbaglia a pronunciare le parole. Proseguiremo con i vocaboli successivi.

13 commenti:

  1. Oddio mi aspetto anch'io prima o poi l'arrivo di questa fase...
    Direi che hai reagito ALLA GRANDE! Mi ricorderò di te all'arrivo della prima parolaccia del mio ormai treenne!!

    RispondiElimina
  2. Ma dove le imparano poi certe parole??? comunque è bello furbino il quattrenne!!!
    ti abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. televisione, scuola, qualcosa che scappa a mamma e papà...infinite risorse per imparare le parolacce!

      Elimina
  3. Hahaha devi averlo spiazzato! Bella reazione! Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  4. Hai avuto una reazione pacata e dolce, ma bisogna anche insegnare che a volte certe parole possono esser offensive e o controproducenti, questa è una mia umile opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno! é quello che ho cercato di fare su quelle parole un pò meno pesanti come scemo e cretino. Ma lì per lì, quando ho sentito quel termine e lui che rideva non mi sono sentita di rimproverarlo ed umiliarlo. Ci ho giocato, così la prossima volta non lo dirà più con l'intento di colpirmi. Ameno spero! :D

      Elimina
  5. ahahha... noi a 3 anni siamo nel periodo della "cacca" e dei "bleah"... riesco ancora a cavarmela con poco! :-)

    RispondiElimina
  6. Furbetto lui e forte tu... chissà cosa escogiterà la prossima volta ^_^

    RispondiElimina
  7. Ciao bella, arrivo da Kreattiva. Sono la tua nuova follower, se ti va vieni a http://redecoratelg.blogspot.com.es/
    Complimenti per il tuo bellissimo blog. Se vuoi puoi partecipare al mio internazionale linky party. Ti aspetto. Besitos.

    RispondiElimina
  8. Io peso di esserci arrivata prima a questa fase 2 1/2 -3 con la prima figlia. ma devo dire che forse le parolacce sono uscite giusto 1 o 2 volte. ancora adesso che ha 5 anni 1/2 se si arrabbia capita che dice "scemo, o stupido" ma non di più. Io quando è capitato che dicesse qualcosa del genere ho sempre cercato di farle capire che è sbagliato, che la mamma e il papà, i nonni ecc. non le dicono, che sono parole che fanno male alle persone a cui vengono detto e non sono belle, vogliono dire cose brutte. ho sempre cercato di spiegarle le cose e lei a modod suo mi ha sempre seguito, speriamo continui. e speriamo che il fratellino impari da lei ;-) ma i maschi sono tosti in questo mi sa ;-)
    Ciao

    RispondiElimina
  9. so cosa significa, anch'io sono mamma di due splendidi figli, i bambini assimilano facilmente soprattutto le parolacce ;-)...arrivo da kreattiva e con piacere da oggi ti seguo anch'io, a presto :)

    RispondiElimina