lunedì 30 settembre 2013

Tanti centrini per una tenda..



Trovata!!! E’ questa qui sopra la foto che ceravo. Ve l'avevo accennato qualche post fa. Avevo visto questa foto di sfuggita, non l’avevo né repinnata, né salvata, né condivisa. Niente, nessuna traccia se non tra i miei flashback. Qualche settimana fa ero a casa di mia mamma che è piena stracolma di centrini fatti all’uncinetto da mia nonna, e non solo, e mi si è accesa la lampadina. Perché non provarci anche io? Ed è quello che sto facendo. Che sto provando a fare. Verrà un po’ diversa da questa, ma l’idea è nata proprio da questa foto. Prometto di finirla entro questa settimana. Giurin giuretto. No va bè, è meglio che non giuro. Intanto vi lascio con altre immagini di tende simili.




Fonti e immagini le potete trovare qui: http://www.pinterest.com/alerove/crochet-3/

venerdì 27 settembre 2013

Una dichiarazione d'amore

Questo è un post che provo a scrivere da tempo. Come quando sei adolescente e scrivi all’utopistico fidanzato e quelle lettere non le recapiti mai. 
Questa è la mia lettera d’amore alla creatività.
Non mi reputo una creativa. Ma neanche un po’. Sono una persona che ovunque mi applico riesco in maniera poco più che sufficiente. Come a scuola, non sono mai stata bocciata né rimandata a Settembre, ma me la sono sempre cavata, e così anche all’Università, e così nella danza e così nel lavoro. Non so perché, non riesco ad eccellere. Però nella creatività, così come lo era anche nella danza, trovo uno sfogo che mi fa bene all’anima. Ogni giorno creare qualcosa, o pensare cosa potrei creare, fare una foto o aspettare un evento da fotografare mi fa sorridere. Vi sembra poco? No, è tantissimo. Mi distraggo, sorrido e canticchio. Sembro come infatuata. Ed è una bella sensazione. Emozionarmi per così poco, mi rende felice.
Ho organizzato la festa di mia figlia facendo tutto a mano. Non ho fatto niente di che, ma la mia soddisfazione era alle stelle, perché in quei giorni che creavo ero stanca, ma felice, ero preoccupata, ma anche eccitata.  Ed è grazie alla creatività, alle passioni che sto scoprendo la mia individualità, il mio essere, e capire che io mi basto e che tutto il resto, figli, compagno e amici, sono una meravigliosa cornice della mia anima.

Forse posso risultare banale con questo post, ma per me l’aver aperto questo blog, l’essermi iscritta ad un corso di fotografia, hanno fatto scoprire un mondo dentro al quale mi piace rifugiarmi e dal quale riesco ad aprire le finestre verso un altro mondo pieno di entusiasmo.

martedì 24 settembre 2013

Ikea vince sempre.

Succede che hai voglia di cambiare look alla cameretta dei bambini. Che hai visto tante foto e hai ben in mente ciò che vorresti. Poi cadi dalle nuvole e ti accorgi che:
  • molti mobili li hai già e non è il caso di buttarli;
  • non hai soldi in questo periodo e fantasticare non costa, ma comprare quello che sogni costa e anche parecchio;
  •  hai una sola camera in cui dovrai far conciliare maschietto e femminuccia.

E l’ultima cosa che vorresti è andare da Ikea e ritrovarti ad avere una perfetta stanza da esposizione.
E cosa succede? Che le paure diventano realtà.
La camera mi piace, ma non la sognavo esattamente così. Dovrò aspettare la loro adolescenza per cambiare i mobili. Sono certa che ai bambini piace più così che come la sognavo io.






lunedì 23 settembre 2013

Dalla pineta alla casa. Il compleanno.

La piccola festeggiata!!!
E allora! La festa del secondo compleanno di Sofia è andata, ma non è andata come prevedevo, come avevo programmato e organizzato da un mese a questa parte…

L’idea come vi scrivevo qui e qui era quella di fare un pic nic in una pineta. E così la mattina presto sono andata sul posto per allestire tutto e all’ora in cui dovevano arrivare tutti gli ospiti, non ha semplicemente piovuto, ha diluviato!!!! E mentre dovevo smantellare tutto mi arrivavano mille telefonate “Ale, dove sei? Che facciamo?”. Bella domanda…che facciamo? Tutti a casa mia! Così in quattro e quattro otto a casa mia c’erano 30 persone e una casa leggermente ordinata ma di sicuro non pronta per ospitare tutta questa gente. E’ stata in ogni caso una festa bellissima piena di affetto e di complimenti. Nonostante non sia riuscita a far vedere a tutti quello che avevo preparato ed organizzato sono comunque riusciti a percepire tutta la fatica. Ho anche capito che chi è emozionalmente coinvolto e nel frattempo organizza, prepara e accoglie ospiti non può fare anche la fotografa. Infatti quelle che ho fatto sono venute non proprio bene (non ho controllato le impostazioni della macchina, argh!) e non ho fatto alcune foto importanti come quella ai panini la cui confezione era un amore. Ma se qualche mia amica ha fotografato la pubblicherò, intanto vi mostro le mie foto. 

Questa era l'ambientazione che avevo creato. con i colori del gialloe del rosa, con qualche tocco blu. 5 tovaglie apparecchiate a terra. (il cielo era già grigio). Il numero due girava a seconda del vento. Così potrebbe essere la "S" di Sofia, con un pò di fantasia...

Dall'alto.
Cesta di coni e uva. 
Questi sono i coni che ho fatto. Il washi tape non è bastato per tenere chiusi i coni, mi sono servita della colla. Al'interno ho poi inserito della carta forno e infine l'uva, in modo tale che l'uva non sporcasse la carta.
Questa era la tavola apparecchiata

Porta posate fatti da me con la carta da imballaggio e washi tape adatti all'occasione

Anche i bicchieri decorati con washi tape

Questi sono alcuni dei vasetti degli omogeneizzati di cui o pitturato i tappi e li ho riempiti di caramelle.

Cannucce comprate da etsy.com

Mancano le foto dei panini come dicevo sopra. Ma presto le vedrete, sperando nella bontà di qualche amica che mi ha visto nel panico e ha scattato le foto per me!Finita la festa si pensa alla prossima cosa da fare...una tenda con dei centrini fatti all'uncinetto. Ho visto la foto da qualche parte,ne ho preso ispirazione, ma non riesco più a trovare la foto, forse era un pin. Se qualcuno si ricorda di averla vista me la segnali tra i commenti. 

lunedì 16 settembre 2013

Trentadue candeline...

Oggi è il mio trentaduesimo compleanno. Non è forse il migliore dei miei compleanni, ma stamattina ho ricevuto gli auguri dalle due persone più importanti della mia vita. I miei figli. Non capiscono perché oggi io non faccia nessuna festa. Quindi non credono che oggi sia davvero il mio compleanno. Diego l’ha detto alla sua maestra sperando che lei organizzasse la festa all’istante. Ma no, non  è così.
Oggi non sono solo più vecchia, sono soprattutto un pelino più forte. Ogni giorno apro gli occhi, penso ai brutti sogni di questi giorni, constato che non sono poi così distanti dalla realtà e mi alzo, nonostante tutto.

E la forza di alzarmi me la danno loro due, solo questi due esserini di due e tre anni. Se non ci fossero stati loro questa mattina sarei rimasta a letto a cercare di capire se sto sognando o se sto solo realizzando. Anyway. Oggi sono 32. Sono tanti, porca miseria. Ma c’è sempre chi ne ha più di me, mi consolo. 

giovedì 12 settembre 2013

Sono nel...palloncino!

Ghirlanda di bandierine: quasi fatta!
Pitturare i coperchi dei vasetti da riempire con caramelle e cioccolatini: fatto!
Bandierine di washi tape: fatto! (ma forse dovrei farne un po’ di più…)
Decorare i bicchieri di carta: ho solo comprato i bicchieri…
Bigliettini di invito: fatti ma non distribuiti…
Tags: né ideati, né realizzati, né stampati…
Menù: tutto pronto, solo nella mia testa però…

Il 22 si sta avvicinando e mi sento ancora in alto mare!

E non solo, il posto dove ho invitato gli ospiti e dove appunto faremo il pic nic, non so nemmeno se quel giorno sarà aperto…
Non ce la posso proprio fare! Sono una frana…

Vi lascio con queste immagini le cui fonti potete trovarle qui






giovedì 5 settembre 2013

Restyling cameretta...

Chi mi segue su facebook sa già che è in atto la trasformazione della camera dei bambini. Il motivo principale è che voglio dare una spinta in più ai bambini a dormire nella loro camera. In quattro in un letto non si dorme comodi e spesso io sono costretta a sloggiare e a dormire in un’altra stanza. Così ho deciso di smontare la culla e di comprare un letto nuovo per la piccola. Con questa occasione potrei fare dei cambiamenti. Ma vorrei fare tutto a costo (quasi) zero, a parte il letto, anche se probabilmente lo regaleranno i nonni. La disposizione dei mobili l’ho già decisa. Vorrei cambiare le tende e il tappeto. Resta il problema dell’armadio che ha i pannelli blu e vorrei cambiarli, colorarli, ma non so nemmeno come si pitturano…

Parto proprio da zero e con zero soldi. Sarà una sfida. Il tutto dovrà essere completato entro il 21 Settembre, giorno del compleanno della piccola in cui verrà comprato il letto come regalo e data stabilita con il grande come trasferimento dal letto grande ad ognuno nel suo letto. Vi lascio acon alcune immagini a cui vorrei ispirarmi. 





Immagini e fonti potrete trovarli sulla mia board di Pinterest

mercoledì 4 settembre 2013

A loro basta così poco...

Da qualche giorno io e e il mio piccolo quando siamo a letto pronti per la notte facciamo un gioco, che spesso coinvolge anche il papà. Non ancora la sorellina che non sa parlare, ma in qualche modo partecipa anche lei. Quando la luce è spenta e siamo ormai pronti per chiudere gli occhi ci chiediamo a vicenda qual è la cosa più bella che hai fatto oggi? Una volta raccontato diciamo sempre che questo pensiero lo mettiamo nel cassetto dei ricordi. E poi ci chiediamo qual è la cosa più brutta che è successa oggi? e anche in questo caso, una volta espresso il proprio pensiero, concludiamo dicendo che questo brutto pensiero lo buttiamo nella spazzatura.

Così è nato un momento di intensa e tenera confidenza. Ieri sera mi ha detto che la cosa più bella che gli è successa durante la giornata è stata abbracciare papà. E’ riuscito a stupirmi. E allora capisci quanto i gesti di affetto sono per loro momenti di infinita gioia più di mille giocattoli messi insieme.