mercoledì 3 luglio 2013

A casa di...Rosario


Eccomi, con una nuova casa, si si, proprio la casa di questo bel giovanotto, Rosario. Vabbè, la foto è di qualche anno fa, ma vi assicuro che non è cambiato moltissimo. 
Morivo dalla voglia di fotografare casa sua, ma allo stesso tempo avevo paura di profanare con le mie foto da dilettante le sue passioni, il suo amore per l'architettura, la sua dedizione per il design. Ci ho provato, insomma, e spero che tramite le mie foto possiate toccare quasi con mano tutto ciò che rende speciale Rosario, che attualmente lavora in una galleria d'arte.
La sua casa è nel cuore di Catania, in piazza Bovio e dai suoi balconcini si può ammirare la magnificenza dell'Etna e non solo, anche quella di uno dei palazzi liberty più famosi della città, Garage Musumeci.



Questa è la prima stanza che, entrando, vi farà innamorare.

Divano Newton, designer: Massimo Iosa Ghini
Quadro "Gemelli" di Sergio Fiorentino
E questo è il secondo particolare che dichiarerà definitivamente il vostro amore per la casa.

Il decoro della volta è tardo liberty, il suo recupero è stato volutamente lasciato incompleto, il resto è andato perduto prima del restauro dell'edificio dei primi del '900
Da queste prime foto risaltano i tre elementi che hanno colpito Rosario quando per la prima volta ha visto quella che sarebbe diventata casa sua: la vista dell'Etna, la spazialità del salone e il recupero della volta, oltre al fatto che la casa è molto luminosa e arieggiata, che nella caldissima Catania non è poco.
Ho cercato poi di cogliere alcuni particolari che più mi piacciono della casa e che, secondo me, riescono a parlare del mio grande amico.


Il tavolo verde è di Vico Magistretti, il libro in primo piano è una monografia del grande architetto Meier

Poltrona anni '70. In basso a destra la sua collezione di riviste di arredamento. Il quadro ritrae Marella Agnelli, l'elegante dama dal collo lungo

In primo piano collezione di libri fotografici

Le giostre sono i suoi giocattoli, che ingenuamente io credevo risalissero alla sua infanzia, invece, come mi ha specificato lui, sono i suoi giocattoli da bambino cresciuto
Vaso nero Venini
Passando in cucina anche questa volta mi sono perdutamente innamorata di questa cucina di recupero, che invece Rosario vuole sostituire, vorrà dire che me la farò regalare...pazienza! Lo specchio è stato comprato in un mercato delle pulci, è dei primi del novecento, dal quale si intravede una scala a chiocciola che porta alla camera da letto.


E infine un particolare, nell'elegantissimo bagno, mi ha addolcito. Una foto della sua cara nonna Bianca con la madre e i fratelli. Foto scattata a Napoli nel lontano 1919. Notate che è tagliata a metà? La bambina a destra è proprio sua nonna e il nonno di Rosario portava questa foto nel suo portafoglio.


Ovviamente la precisione della descrizione dei dettagli è tutto merito di Rosario che l'ho dichiarato ufficialmente il mio designer supervisor!

Dal mio blog è tutto, spero che anche questa casa sia entrata nei vostri cuori! Ce ne saranno ovviamente altre, stay tuned!

9 commenti:

  1. Bellissima casa, adoro i soffitti alti!
    Anche dall'appartamento dei miei nonni si vedeva l'Etna :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai origini siciliane? Iniziamo ad avere tanti punti in comune ;)

      Elimina
    2. Haha Sì! Mio padre e nato in provincia di Catania ma dato che lavora in Marina, si è trasferito in Ligura da ragazzo e lì ha conosciuto mia madre =)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuta. Ci tengo molto al tuo giudizio!

      Elimina
  3. Ma è meravigliosa! Complimenti! Luana

    RispondiElimina
  4. belle le foto! sono sicura che hai reso giustizia alla casa del tuo amico!!!
    un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
  5. Quella casa sarebbe bella anche vuota, e quei soffitti così alti, e decorati, mamma che belli! Io da piccola mi divertito a immaginare di camminare sul soffitto, in una casa così ci avrei potuto passare le ore...
    Ovviamente, anche l'arredamento non è da meno... ma la deve proprio cambiare, la cucina?

    RispondiElimina