giovedì 6 giugno 2013

Maschi e femmine


E' iniziata la fase della distinzione: mamma, questo è da scemmine, voglio quello da macchi. Oppure Scioscia (Sofia, sua sorella), tu non puoi giocare a fare la lotta, scei scemmina! 
Respiro, esce in me il femminismo più femminismo che c’è e il diritto di libertà e l’abolizione dei pregiudizi.
Amore, non esistono cose da maschi e cose da femmine, se Cenerentola ti incuriosisce lo puoi guardare. E sappi che anche Sofia può fare la lotta, anzi ti dirò di più, potrebbe vincerti. Ecco. Se vuoi puoi fare la danza classica, e metterti le magliette rosa, se il rosa ti piace (le gonne magari no, eh!). Ma lui risponde Mamma, a me piace il nero, il rosa è da scemmine.

Ok, è stato già plagiato dalla mentalità maschilista? O ho ancora speranze perché cresca con la mente libera dagli stereotipi?

3 commenti:

  1. Pensa solo che è una fase :) come quella dell'innamoramento della mamma del resto

    RispondiElimina
  2. Ma no Ale, anche secondo me è solo una fase. Mio nipote di 5, li compirà a settembre, da un annetto fa queste distinzioni... ma secondo me passerà!
    A parte gli scherzi, non provi ad istradarlo verso la danza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A lui piace tanto ballare, ma più hip hop, appena sente musica si butta a terra, fa capriole...però davvero se lui un giorno mi dicesse che vuole studiare danza classica, io sarei felicissima, mio suocero molto meno...

      Elimina