mercoledì 13 febbraio 2013

Il gioco delle tre carte

La notte inizia la guerra a casa mia.
Accade questo: la piccolina si addormenta alle nove, in tre secondi, tra le mie braccia mentre io finalmente mi rilasso un po’ davanti la tv. Una volta addormentata la metto nella sua culla. Alle dieci tocca all’ometto che contrariamente a tutti i bambini del mondo non vuole dormire nel lettone dei genitori, ma nel suo lettino con la mamma. E va bene, pur di far dormire lui e di dormire un pochino pure io andiamo nel suo letto, una storiella, rigorosamente i protagonisti devono essere lui e la sua amica Serena, e crolliamo beatamente abbracciati. All’una di notte puntuale la piccolina si sveglia e mi chiama. Io devo lentamente e silenziosamente scivolare dal letto dell’ometto per non svegliarlo e andare da lei. La metto nel lettone con me e dopo nemmeno cinque minuti “Mammaaaaa, ho pula io da solo!”, così cerco di scivolare lentamente e silenziosamente dalla piccolina, ma niente, si sveglia. Il delirio. Prendo la piccola in braccio, vado dal grande lo convinco a venire nel mio letto, ma niente, non ne vuole sapere, solo se viene anche il peluche gigante di Winnie Pooh. Quindi con in braccio la piccolina, Winnie Pooh e in mano l’ometto porto tutti quanti nel mio letto e lì inizia la guerra della disposizione.
Winnie Pooh è il più bravo, sta a destra e non si lamenta, nemmeno se cade, Diego tra Winnie Pooh e me e a sinistra la piccolina. Non so perché tutti vogliono poggiare la testa solo sul mio cuscino. Tre teste su un cuscino. E qui inizia il gioco delle tre carte: la piccolina si sposta tra me e l’ometto, l’ometto si arrabbia e si mette tra me e la piccolina, io mi arrabbio e mi metto tra i due bambini, fino a che loro crollano nella disposizione che io ho deciso, e io sto in equilibrio su un fianco, cercando di non schiacciare nessuno, invidiando Winnie Pooh e aspettando che crollino nel sonno più profondo per potermi finalmente spostare ovunque ci sia più spazio vitale!
E la mattina a lavoro è dura riuscire a tenere gli occhi aperti.
Postilla: ieri per la prima volta ho cucinato i classici muffins e sono venuti buonissimi. La piccolina, che dire che è golosa è un eufemismo, ha gradito moltissimo!
Buona giornata!

3 commenti:

  1. come ti capisco...... le mie di carte sono 5 4 pesti più la mia...... e qund osi svegliano tutti e 4 è un delirio perchè il letto matrimoniale diventa unletto 6 posti............
    alzarsi al mattino è un problema!!!!!!sono tutta un dolore...
    però ....
    buona giornata
    veronica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bene, c'è chi è messa pegio di me :D Adesso nel mio letto si sono aggiunte le "figlie" di mia figlia, tante bamboline che dormono con noi!

      Elimina
  2. se più tardi passi da me c'è u premio..
    buona giornata

    RispondiElimina