martedì 17 ottobre 2017

Un giorno con Gioia Gottini. Workshop sul Personal Branding.

Eccomi, con un po’ di ritardo, ma nei giorni scorsi mi sono dedicata così tanto all’organizzazione del workshop con Gioia Gottini a Palermo che rientrata a Catania, lunedì, sono stata sommersa da tutti gli arretrati di vario genere.
Ma ne è valsa la pena. Il workshop è andato davvero bene, almeno dal mio punto di vista, ma da ciò che ho potuto carpire sia i partecipanti che la docente sono rimasti soddisfatti.
La location è oramai la consueta Casa Spazio che sabato più che mai si è presentata in tutta la sua sorprendente bellezza. Tappa de La via dei Tesori ogni stanza è dedicata ad un artista. L’ingresso a Thomas Lange, una camera ad Arcangelo, una allo stilista Marco Russotto e l’ultima stanza a Nolà.
Tutte opere bellissime.
E all’interno di questa meravigliosa dimora nel cuore di Palermo c’ero io che ho deciso di ospitare Gioia Gottini e tutti coloro che avessero il piacere di imparare da lei i segreti del personal branding.
Ho regalato a ciascun partecipante un washi tape del mio shop etsy, avevo il piacere che portassero a casa anche qualcosa di mio, e ho coccolato tutti con qualche bevanda e stuzzichini. Marco, invece ha preparato una gustosissima e leggera torta alle susine.
Gioia è una persona davvero solare e anche simpaticissima!
È riuscita a tenere alta l’attenzione, li sentivo chiacchierare, intervenire e ridere! E dopo il pranzo che abbiamo fatto non era proprio facilissimo. L’abbiocco era proprio dietro l’angolo.
Sì, perché ho proposto a tutti (c’era anche un maschietto) di pranzare insieme in un ristorantino lì vicino e devo dire che è stato bello stare lì tutti insieme perché ci siamo conosciuti ancora meglio e infatti ho scoperto che una delle partecipanti è una curatrice di stile, ti consiglia come vestirti con gli abiti che hai nell’armadio, una coppia è venuta da Roma per Gioia, c’era una psicologa, una proprietaria di un b&b e una futura proprietaria di tende di lusso (da campeggio). Ho scoperto come Gioia si sia avvicinata all’astrologia. Insomma, niente di meglio di un tavolo e di buon cibo per conoscere meglio le persone. 
Vi parlerò in futuri post dei meravigliosi lavori di alcune crafter che erano al workshop (bambole ad uncinetto, orecchini di carta, giocattoli…). Ad un certo punto mi sono sentita nel paese delle meraviglie.

Ho già in mente il prossimo workshop e bolle anche altro in pentola… perché i buoni lavori portano sempre buoni risultati…





martedì 10 ottobre 2017

I preferiti IG di Ottobre

Ultimamente ho proprio una passione per Instagram. Devo dire che facebook mi ha un po’ stancata. Sicuramente utile per alcuni aspetti, per condividere determinati contenuti, più facilmente fruibili, ma Instagram mi riempie di bellezza. Vedo certe foto da togliere il fiato.
E oggi ne ho selezionate 4 per voi.
Sono tutte donne, alcune le conoscete sicuramente, altre forse no, ma questa è l’occasione giusta per cliccare il bottoncino “Segui” del loro profilo.

La prima è Zucca Violina
Marta, torinese. 

Torino sforna tanti talenti e lei è decisamente uno di questi. Le sue foto sono poesia per me, mai scontate, mai banali. E poi lei ogni messe da indicazioni su degli hastag da usare e quindi condividere, che ve lo dico a fare? Andate sul suo profilo e anche sul suo blog.

Fiorigami
Lucia, paper lover, di Brescia. 

I suoi bouquet di carta sono incantevoli. Se dovessi mai sposarmi, assolutamente senza ombra di dubbio vorrei un mazzo dei suoi fiori.
Ma anche senza sposarmi, presto ne acquisterò uno per averlo sempre a casa. Sì, i suoi fiori sono decisamente per sempre!

A Day with V
Valentina, toscana. Amante dell’interior, amante della cucina e amante della fotografia.

E cosa non scontata sa fare tutte e tre le cose divinamente. Io l’ho conosciuta di persona ed è dolcissima! Sono una sua grande fan, le sue foto sono per me di grande ispirazione. Vi assicuro che sarà lo stesso anche per voi.

Atelier sul Brenta
Cristina, sarta naturale, linen lover.

Io ho un debole per le sarte, mi sembrano maghe. E lei non solo crea abiti, fa anche delle foto bellissime.
Vedere per credere.

Per oggi è tutto.

Adesso mi è venuta voglia di fotografare. Corro a farlo.

martedì 3 ottobre 2017

Riflessioni sui prossimi workshop

ig: @a_casadiale

Ma da quanto tempo che non scrivo qui! Sì lo ammetto, sono stata un po’ egoista. Ho  preso volutamente una bella pausa. Mi sono goduta i giorni caldi, il mare, gli amici, le piccole follie che ho fatto quest’estate, che però non hanno prodotto il ritorno che speravo… un po’ sì, ma poco.
Ho vissuto. E non è scontato, per me.
Ma veniamo a noi!
Parliamo degli eventi che ho deciso di organizzare: i workshop con Rita Bellati a Catania e Gioia Gottini a Palermo.
Innanzi tutto sono felice, perché ho deciso di lanciarmi in questa avventura, da sola, io la mia testa e il mio pc. Questo è l’anno delle sfide e le sto affrontando tutte. E’ l’anno della mia rinascita, ma rinascere non vuol dire non fallire, ci sono vittorie e perdite.
A Palermo avevo già ospitato lo scorso maggio Francesca Baldassarri. In quel caso io ho solo ospitato, non ho organizzato io il workshop e le iscrizioni. Questo mi ha permesso di ospitare ragazze portate da Francesca e quindi di farmi conoscere, di poter far vedere che dietro la mia passione e il mio lavoro c’è serietà. La dimostrazione di questo ritorno l’ho avuta con  il workshop di Gioia Gottini a Palermo, questa volta completamente organizzato da me. Le ragazze sono tornate ad iscriversi, certamente perché conoscono Gioia e hanno voglia di approfondire gli argomenti del personal branding con lei, ma anche perché sanno che un workshop organizzato da me è un’esperienza unica. Non è in un’aula fredda dove arrivi e poi vai via solo con i tuoi appunti. 
A me piace coccolare chi si è affidato a me, con piccole cose: un pensierino appena arrivano, un aperitivo, sorrisi e disponibilità. Non ultimo a Palermo i workshop si tengono in una dimora antica bellissima, i cui inquilini sono persone speciali, uno stilista e un curatore d’arte, che sono lì, presenti con noi.

A Catania la storia è diversa. Quello di Rita sarebbe stato il primo workshop organizzato da me in assoluto. Ho avuto la fiducia di alcune persone, ma purtroppo le iscrizioni non sono state abbastanza da far attivare il corso.
E allora mi sono posta tante domande:
1)      Il prezzo è troppo alto? No,  se consideri che il prezzo include, 6 ore di lezione, pagare la docente, il il viaggio, l’alloggio della docente, il pranzo che offrivo io e un compenso minimo per l’organizzazione e il rimborso per la promozione. È un prezzo che io ho reputato giusto, né alto, né basso.
2)      Non ho pubblicizzato abbastanza l’evento? Non saprei, mi sono appoggiata a due quotidiani locali che promuovono gli eventi, ho fatto pubblicità a pagamento su facebook e instagram, ho contattato personalmente tanti artigiani, passaparola tra gli amici.
3)      Non mi conoscono? Beh effettivamente come dicevo sopra, a Palermo c’è stata più fiducia data dall’esperienza precendente, pertanto tangibile. Forse avrei potuto meglio trasporre quell’esperienza a Catania, ma non ci sono riuscita.
4)      Forse l’argomento scelto da approfondire non è di interesse? Beh, sarebbe un vero peccato se la riuscita fosse dipesa da ciò, perché vorrebbe dire che in Sicilia non vengono ancora percepite le forze commerciali dei social. Eppure eppure potrebbe essere una motivazione…
In tutti i casi, mi dispiace, mi sarà sicuramente sfuggito qualcosa nell’organizzazione che cercherò di approfondire per farne una forza la prossima volta.
Comunque, c’è ancora il workshop con Gioia Gottini a Catania su cui potrei puntare, non aver paura e scovare la forza.

Siete ancora in tempo per il workshop di Gioia Gottini a Palermo il 14 Ottobre sul personal branding. Potete acquistare i biglietti qui.

E siete abbondantemente in tempo per assicurarvi un posto al workshop di Gioia Gottini a Catania l’11 novembre. Forza catanesi, fatemi vedere che ci siete!!! I biglietti qui.

martedì 11 luglio 2017

Attività in corso A casa di Ale.

Attività intense prima delle vacanze. Tante cose in ballo, per cui urge fare ordine e chiarezza. Iniziamo:

1)      GIVEAWAY . Sul mio profilo instagram c’è un giveaway tutto per voi!!! Ho chiesto sulle stories di instagram quale scritta avessero voluto ricevere e hanno scelto DREAM. Così con l’alluminio spesso 2,5 mm ho creato questa scritta che a me personalmente piace molto. Le regole per partecipare sono: seguire il mio profilo instagram e invitare due amiche a partecipare. Facile facile. Il giveaway è attivo fino al 17 luglio. Il 18 dichiarerò il vincitore!!!



2)      WASHI TAPE. Mi  è arrivato il nuovo ordine di washi tape e li ho caricati sul mio shopEtsy, seguite questo link per vederli… e acquistarli!!



3)      WORKSHOP. Ricordo alle creative siciliane e non che fino al 15 luglio potete iscrivervi ai corsi di Gioia Gottini che si terranno a Catania e Palermo e a quello di Rita Bellati che si terrà a Catania usufruendo di un piccolo sconto. Il prezzo è già strettissimo, ma ho voluto dare un’altra carezza a chi prenoterà così in anticipo. E ringrazio chi si è già iscritto, siete meravigliose! Quindi seguite questo e questo link e inserite il codice SOLOPERTE.



Da casa di Ale è tutto. Il 17 luglio mi prendo una lunga pausa, in cui comunque continuerò a tenere lo shop aperto.,a lavorare per i worksho e a programmare tute le attività da Settembre in poi, ma sarò meno presente sui social, però potrete seguire le mie vacanze sulle sories di facebook.

Grazie a tutte.

martedì 4 luglio 2017

Lista dei desideri #1

Oggi, complice la quattordicesima, ho voglia di stilare una lista dei desideri. Uno l’ho già esaudito.
Ma prima vi mostro gli oggetti del desiderio e poi vi svelo quale ho acquistato.
Stamattina, durante il mio giro sulle ig stories, sono rimasta folgorata da questa gonna, bellissimaaa!!!


Lei è Federica di La sartoria dei confetti.
Sarà che ho una fissa per i fenicotteri, sarà quel celeste così estivo o sarà che le gonne corte le ho sempre desiderate, comprate e quasi mai indossate... non so, sta di fatto che mi piace tantissimo!
Poi c’è Francesca, mia conterranea, e i suoi bracciali. Mi ricordano tanto la mia adolescenza e la voglia di legare qualcuno a me con questi bei bracciali. Un messaggio, un simbolo. Li trovo adorabili.
Il suo shop on line si chiama Fretsy Creations


Da lei ho comprato anche un anello che adoro, ma che mi è caduto dietro il comò della camera da letto e non so come recuperarlo, visto che è pesantissimo da spostare. 
Poi poi… ci sono loro due! E non avrei nulla da aggiungere perché per me sono molto più che artiste. Sono due cuori speciali, due anime delicate e finalmente ho comprato una loro creazione. Sì, perché hanno collaborato e vendono congiuntamente pochette e spilla. La pochette è di Valeria di Rosa e Turchese, la fantasia della stoffa è ispirata proprio dai suoi acquerelli. La spilla invece è di Laura, Vivere a Piedi Nudi, è in legno, tagliata e dipinta da lei.


Ho fatto un ottimo acquisto, vero?
La lista ovviamente è molto lunga, ma ve la mostrerò di volta in volta.


Intanto vi comunico che chi vuole partecipare al workshop di Rita Bellati e di Gioia Gottini, a Palermo e a Catania, può usufruire di uno sconto entro il 15 luglio. Il codice sconto è SOLOPERTE e i link dove comprare i biglietti sono questo e questo. Affrettatevi e passate parola! ;)

giovedì 22 giugno 2017

Workshop con Gioia Gottini.

Fonte: Gioia Gottini

Vi ricordate quando vi ho parlato del pugno allo stomaco che mi ha dato Gioia Gottini?
Eh… ve lo racconto…
Era Gennaio e Gioia dava la possibilità di scaricare un suo corso “Il tuo anno magico”.
Incuriosita e piena di desiderio di avere finalmente un anno magico l’ho subito scaricato!
Ho iniziato a fare gli esercizi che richiedeva e più andavo avanti e più volevo tornare indietro.
Non era possibile che tra i tanti desideri e progetti che avevo in serbo per il 2017 emergeva come fondamentale solo uno, che non riguardava nemmeno il lavoro, la mia realizzazione personale di professionista, ma riguardava un pezzo della mia vita personale e intima.
E più andavo avanti e più saltava fuori che se non “scioglievo” quel nodo era inutile che facessi altro, perché sarei sempre rimasta legata a quel nodo. Strettamente annodato.
Così lo ammetto, ho chiuso quel documento. E non l’ho più aperto. Ma è sul mio comodino e lo guardo tutte le sere prima di addormentarmi, senza aprirlo. So che lì dentro c’è la chiave della mia serenità.
Da sei mesi, quindi, io so che per rendere magico il mio 2017 devo prima raggiungere proprio quell’obiettivo che grazie agli esercizi di Gioia sono riuscita a far emergere. E credetemi, è stato doloroso ammettere che Gioia aveva ragione, ma oggi, che non ho ancora del tutto sciolto il nodo, ma ho accettato di impegnarmi a tal fine, il mio anno ha preso una piega diversa, non è ancora magico, ma inizia a brillare.
Perché ti racconto tutto questo?
Perché, come dicevo in questo post, ho deciso di seguire la passione, e ultimamente la parola passione è legata alla parola workshop che sto organizzando e per questi corsi ho deciso di chiamare due donne che hanno smosso qualcosa dentro di me e sono Rita Bellati e Gioia Gottini.
E sono certa che potranno dare tanto anche a te.

Gioia verrà a Palermo il 14 Ottobre e a Catania l’11 Novembre.
I biglietti puoi comprarli qui e qui.


Un abbraccio, ancora pieno di nodi, ma che si sta liberando sempre di più!

martedì 20 giugno 2017

Alice e la sua famiglia


Sono stata così presa dall’organizzazione dei workshop che non ho avuto il tempo di pubblicare questo progetto che nel frattempo ho realizzato.
Mi è arrivata la richiesta di una zia molto innamorata della sua nipotina e da subito ho capito che sono una famiglia molto unita, infatti la giovane zia mi ha chiesto di realizzare qualcosa per la piccola Alice che contenesse i nomi di tutta la famiglia. Così a me è venuto in mente il sole  i cui raggi sarebbero stati i nomi dei famigliari. Io e la zia ci siamo messe in contatto e l’abbiamo praticamente realizzato insieme. Mi ha chiesto di realizzare una bambina con il tulle sull’altalena che tenesse il suo cane.
Mi son messa all’opera, i tempi di consegna erano molto stretti considerando che io da lì a poco dovevo partire. Ma ce l’ho fatta e sono molto soddisfatta del risultato. Spero che Alice sia rimasta contenta. L’ho realizzato pensando sempre a lei e a quanto potesse essere felice di ricevere questo regalo.
Spero che il mio affetto sia passato attraverso l’alluminio. Dite che sia possibile?
Adesso che questo progetto l’ho terminato e i workshop sono definiti devo creare due nomi per due gemelline speciali che sono ancora dentro la pancia della mamma: Alice e Annalisa.

Piccole, mi metto subito a lavoro!